Robot da cucina con impastatrice: informazioni, guida, migliori del 2020

Tra le attrezzature utilizzate in cucina, oltre allo sbattitore, al frullatore ad immersione, alle centrifughe e ai tritacarne, c’è anche il robot da cucina, apprezzato principalmente per la sua versatilità.

Il robot da cucina è senza dubbio l’elettrodomestico più completo e tecnologico oggi in commercio, ed è quello maggiormente presente nelle cucine di tutto il mondo. Grazie al robot da cucina è possibile frullare, impastare, montare, triturare e mescolare una svariata quantità di cibi, ed è possibile fare tutto in pochissimi minuti e con grande semplicità. È un macchinario utile e fondamentale per risparmiare tempo e fatica e per avere risultati impeccabili. Li usano gli chef ma anche le casalinghe e i cuochi amatoriali, che vogliono rendere perfetti i loro piatti.

I robot da cucina arrivano nelle case degli italiani alla fine degli anni 50 dopo il boom economico, quando cioè la donna incomincia a lavorare fuori casa e ad avere sempre meno tempo per cucinare. A realizzare il primo modello, molto diverso da quello attuale, fu il tedesco Rudolf Embacher.

 

Cos’è e come funziona

I robot da cucina, oggi chiamati anche food processor, sono progettati e realizzati sia dalle grandi multinazionali sia dalle piccole e medie aziende europee e asiatiche. Sono costituiti da un solo corpo macchina che permette di svolgere tante funzioni grazie ai tanti accessori che si montano alla base. Particolarmente versatili e multifunzionali, i robot nascono con l’intento di semplificare e velocizzare il lavoro in cucina, rendendo più piacevole e divertente la preparazione dei piatti. Tutti i modelli in commercio dispongono di un motore potente (alcuni hanno quello da 900 Watt, altri addirittura da 1600 Watt), e di un meccanismo di sicurezza. Un contenitore in plastica trasparente con capacità variabile e con un coperchio provvisto di imbuto e foro per inserire gli alimenti, un bicchiere frullatore in plastica spesso graduato, una lama per tagliare, un disco per affettare e un disco per grattugiare sono gli accessori inclusi nella maggior parte dei modelli dei robot da cucina. Altri dispongono anche di una frusta per montare a neve, di un disco per le patatine fritte, di uno spremiagrumi, di una lama per tritare e di un’altra per impastare.

Inoltre, possiamo classificare i robot in tre tipologie:

  • multifunzionali
  • con funzione cottura
  • con funzione impastatrice

I primi sono sicuramente gli elettrodomestici più utilizzati in cucina perché permettono di affettare, mixare, emulsionare, tritare e montare, in modo molto semplice. Basta infatti inserire tutti gli ingredienti nel contenitore di acciaio e avviare il macchinario. I secondi hanno tutte queste funzioni a cui però si aggiunge anche quella della cottura, che consente quindi di bollire, friggere, stufare e cucinare a vapore. Questi modelli dispongono di diverse temperature, da scegliere in base alla pietanza che si deve preparare; ad esempio i robot più sofisticati hanno un ampio intervallo di temperature che va dai 20 °C ai 150 °C, quelli più semplici invece da 60°C a 100°C.

Il terzo tipo di robot è quello specializzato nell’impastare composti dolci o salati ed è presente nelle case di tutti coloro che amano preparare pasta, pane, pizza e torte. Ed è proprio su questo tipo di robot da cucina che vogliamo soffermarci principalmente.

Caratteristiche

I robot da cucina con impastatrice sono gli elettrodomestici di piccole dimensioni che rappresentano un valido aiuto nella preparazione di pane, pasta e pizza. Tanti sono i modelli tra cui scegliere quello più adatto alle proprie necessità. Alcuni hanno il motore da 600 Watt, altri da 900, 1200 o 1300 Watt. Anche i livelli di velocità variano a seconda del modello, alcuni ne hanno 10, altri addirittura 15. I robot più tecnologici e sofisticati non solo hanno tantissime funzioni e diversi programmi per frullare, mescolare e ovviamente impastare, ma anche i pulsanti automatici per impastare. Molti robot inoltre dispongono di efficienti meccanismi di sicurezza per ciotola e coperchio e impostano automaticamente la velocità corretta per ogni accessorio.

Oltre alla ciotola in cui lavorare gli ingredienti, la cui capienza può variare in base al modello, alcuni robot dispongono di svariati accessori per preparare pasta, pizza e biscotti e di altri accessori opzionali che possono essere acquistati separatamente e aggiunti in un secondo momento. Gli accessori sono prevalentemente in acciaio inox, per questo semplici da pulire e lavabili anche in lavastoviglie. I piedini in gomma, presenti ormai in quasi tutti i modelli, assicurano maggiore stabilità del macchinario che resta fermo durante l’utilizzo anche quando si lavorano impasti duri e a velocità sostenute. I robot di ultima generazione presentano un design moderno ed elegante, caratterizzato da colori accesi e alla moda, che lo rendono perfetto e ideale per essere riposto su un ripiano della cucina ed essere ammirato da tutti.

Grazie al movimento planetario che il gancio impastatore compie ruotando sia sul proprio asse che attorno al centro della ciotola, questi robot sono in grado di realizzare impasti perfetti, che garantiscono ottimi prodotti finali.

Consigli per un utilizzo corretto

Di seguito vogliamo darmi pochi e semplici consigli che vi aiuteranno a usare correttamente il vostro robot da cucina senza che si danneggi o si rompa, così da poter essere usato più a lungo. Il primo consiglio è quello di usare il tasto Pulse, che hanno tutti i modelli di robot. Questo tasto, che va premuto a intervalli brevissimi, quindi solo il tempo necessario per tagliuzzare gli alimenti, è utile per mantenere sempre il massimo controllo durante la preparazione dei cibi, consente di sminuzzare senza polverizzare e assicura che tutto il contenuto venga lavorato accuratamente. Inoltre può essere utilizzata anche per incorporare delicatamente la farina in un impasto morbido. Il secondo consiglio è di non mettere mai nel contenitore del robot né il cibo troppo caldo né quello tagliato grossolanamente, così il motore non si affaticherà. Terzo e ultimo consiglio è di non riempire il contenitore con troppo liquido, perché potrebbe schizzare e superare l’orlo.

Robot da cucina con impastatrice o planetaria?

Molti si chiedono se, per preparare pane, pizza e dolci, sia meglio utilizzare un robot da cucina con impastatrice o un’impastatrice planetaria vera e propria. Cercheremo di rispondere a questo dubbio, sottolineando i vantaggi e gli svantaggi dell’uno e dell’altra.

Innanzitutto prima di acquistare uno dei due macchinari, è importante capire quali sono le vostre esigenze personali e qual è l’uso che se ne deve fare. Solo così si potrà arrivare alla scelta giusta.

È meglio scegliere una planetaria se:

  • Lavorerete grosse quantità di impasto per volta,
  • Preparerete la pasta fatta in casa e tutti quelli impasti che richiedono tempi di lavorazione molto lunghi.
  • La userete con frequenze quotidiana.

Optate invece per un robot da cucina se:

  • Fate prevalentemente dolci e torte.
  • Avete bisogno di un elettrodomestico versatile che faccia un po’ di tutto.
  • Avete poco spazio in cucina. I robot sono infatti più piccoli e maneggevoli della planetaria.

Entrambi i macchinari lavorano sia impasti solidi e lievitanti sia quelli liquidi destinati alla preparazione di dolci. La planetaria però, pensata specificatamente per impastare, grazie al movimento del suo braccio, garantisce impasti uniformi e voluminosi.

Ricordate anche che il robot da cucina è multifunzionale, l’impastatrice planetaria è mono-funzione, quindi impasta soltanto.

Un altro elemento determinante nella scelta del macchinario da acquistare è sicuramente il prezzo e il budget che avete a disposizione.  Il prezzo dei robot da cucina varia a seconda degli accessori e delle prestazioni. Più funzioni avrà, più ovviamente costerà. Quelli più semplici e con poche funzioni base hanno un prezzo decisamente più accessibile: bastano anche meno di €100 per avere un buon robot da cucina, che faccia bene il suo lavoro. Per essere comunque sicuri di acquistare un modello semiprofessionale e realizzato con materiali di ottima rifinitura, è bene preferire quelli di fascia media, che assicurano risultati impeccabili e costano circa €600. Se invece desiderate avere un ottimo robot da cucina, robusto, superaccessoriato e moderno, che garantisca ottime prestazioni, dovrete optare per un elettrodomestico di fascia alta e spendere anche più di €1000.

Come i robot, anche le planetarie, che sono state pensate sia per l’uso domestico sia per quello professionale, possono essere acquistate con un prezzo inferiore a €100. A questo prezzo però dovrete accontentarvi di un macchinario con un motore non eccessivamente potente, una ciotola poco capiente e pochi accessori. Per i modelli più sofisticati e tecnologici potete spendere anche più di €2000.

Il prezzo varia anche se decidete di acquistare un modello delle grandi marche o uno di aziende meno conosciute. Sta a voi in questo caso decidere di chi fidarvi per rimanere soddisfatti.


Pugliese di nascita e romana di adozione, sono una ragazza allegra e determinata. Ho 38 anni, una laurea in lettere moderne e una grande passione per la scrittura.  Mi piace scrivere soprattutto di elettrodomestici, tecnologia e prodotti d’avanguardia.

Back to top
Impastatrice Migliore