Quale impastatrice scegliere e in base a quali criteri?

Come molti sanno, l’impastatrice, chiamata anche planetaria, è quell’elettrodomestico utilizzato per impastare la farina con gli altri ingredienti in modo da creare sia prodotti salati che dolci. Impiegata non solo in pasticceria e in panetteria, ma anche a casa, soprattutto negli ultimi anni, l’impastatrice è un valido aiuto in cucina, perché fa risparmiare tempo e fatica e garantisce un risultato infallibile.

Nata nel 1919 grazie all’ingegnere americano Herbert Johnston, l’impastatrice è ideale per impastare, sbattere le uova, frullare creme e montare la panna.

 

Gli accessori dell’impastatrice

L’impastatrice è composta da quattro accessori principali: una frusta, una paletta, un gancio e una ciotola.

In base alle preparazioni da realizzare, è possibile utilizzare vari tipi di fruste: a filo per i composti più liquidi e leggeri, a K per quelli più densi e corposi e gommate per la cottura di creme e salse.

I ganci, ottimi per gli impasti che richiedono molto tempo, sono a uncino o a spirale, in acciaio inox, smaltati o rivestiti da una verniciatura ceramizzata.

Le ciotole possono essere in metallo, in plastica o in alluminio e di varia capienza.

Come scegliere l’impastatrice migliore

Oggi in commercio esistono tantissimi modelli per uso domestico e professionale, tante marche e tanti prezzi. Ma come scegliere quella migliore? Di seguito vi suggeriamo alcuni consigli utili per acquistare l’impastatrice più adatta alle vostre esigenze.

Innanzitutto, prima di acquistare un’impastatrice, è importante conoscere bene le caratteristiche, le dotazioni e le prestazioni tecniche di ciascun modello in vendita, così da non fare una scelta sbagliata.

Gli elementi da valutare sono:

  • La potenza, almeno 325 watt di potenza, perché più l’impastatrice è potente più lavorerà meglio.
  • La velocità. Sono sufficienti al massimo 6 velocità, anche se ne bastano 3 (lenta, media e rapida).
  • Il peso, almeno 4 kg per essere robusta e stabile; più di 7 kg renderebbero l’impastatrice pesante e poco maneggevole, anche per la pulizia dopo l’utilizzo.
  • La capacità, cioè la capienza della ciotola. Se siete soli o in coppia vi basterà quella da 500 g, se avete una famiglia media, formata da 4-6 persone, allora scegliete quella da 2,5 kg. Ricordate anche che più capiente è la ciotola maggiore sarà il consumo dell’apparecchio.
  • Il materiale. È preferibile optare per una impastatrice in metallo, perché più resistente e durevole.
  • Funzione di blocco motore. Assicuratevi che il modello che state per scegliere abbia questa funzione, perché vi garantisce il blocco automatico dell’impastatrice quando viene alzato il braccio mobile.
  • Funzione di riposo, perché spesso è necessario fermarsi per mescolare a mano gli ingredienti o per aggiungerne altri.

Altri consigli

Un altro importante consiglio che vogliamo darvi è quello di scegliere un modello di impastatrice che permetta l’aggiunta di elementi accessori, perché quello che non vi serve oggi potrebbe servirvi in futuro. Ad alcuni modelli si possono addirittura aggiungere pastai, gelatieri e tritacarne.

Inoltre non dimenticate di considerare lo spazio che avete a disposizione nella vostra cucina: un’impastatrice troppo grande potrebbe non trovare un posto adeguato per essere riposta.

Ultimi consigli, ma non per questo meno importanti, sono quelli di preferire impastatrici che abbiano un coperchio paraspruzzi, che protegge le mani mentre si lavora e che evita la fuoriuscita di liquidi, e impastatrici che non facciano rumore, così da poterle utilizzare in qualsiasi momento della giornata senza mai disturbare gli altri.

Inutile dirvi che sarebbe piuttosto riduttivo e superficiale scegliere una impastatrice basandosi esclusivamente su criteri estetici, quali colori e design. Molti infatti acquistano un robot  dalle tinte accese e dalle forme sinuose e moderne solo perché si abbina alla loro cucina o perché rispecchia i loro gusti estetici, non tenendo assolutamente in considerazione gli altri criteri fondamentali per fare la scelta giusta. Il risultato è che portano a casa un’impastatrice bella e di ultima generazione ma spesso inappropriata all’uso che se ne deve fare.

Scegliere le impastatrici in base al prezzo

Un criterio determinante nella scelta dell’impastatrice è senza alcun dubbio il prezzo. In base al budget che avete a disposizione, potrete scegliere apparecchi di bassa, media o alta qualità.

Il prezzo base per un’impastatrice si aggira attorno ai 100 euro. Quelle eccessivamente economiche saranno con molta probabilità realizzate con materiali poco resistenti, avranno il motore lento e incapace di impastare ingredienti duri, consumeranno molto e non saranno sicure.

Una impastatrice di alta qualità, magari di marca, costerà sicuramente di più, ma vi garantirà ottime prestazioni e bassi consumi.

Per acquistare una impastatrice senza spendere troppo, basta comunque optare per quelle di media qualità, che hanno funzioni ridotte, pochi accessori base e che sono in plastica, perché costano generalmente meno di quelle in metallo.

Ovviamente la scelta dell’impastatrice si basa anche sull’uso che se ne deve fare. Se siete alle prime armi o la userete poco, andrà bene anche un robot economico, facile da usare e senza grandi pretese. Se invece siete dei professionisti e la userete con frequenza giornaliera, allora è meglio scegliere una impastatrice più costosa, professionale, in grado di assicurare risultati eccellenti, così sarete sicuri di non trovarvi con il motore fumante a metà lavorazione.

Inoltre, per acquistare una impastatrice di buona qualità senza spendere molto, si può approfittare anche di sconti e offerte che negozi fisici e negozi virtuali mettono periodicamente a disposizione dei loro clienti.

Quindi scegliere l’impastatrice adatta alle vostre esigenze e al vostro budget è semplice e facile, basta seguire i nostri consigli e non avere fretta di comprare, perché la fretta spesso può portare a una scelta sbagliata.

Classifica delle migliori impastatrici di Novembre 2019

No products found


Pugliese di nascita e romana di adozione, sono una ragazza allegra e determinata. Ho 38 anni, una laurea in lettere moderne e una grande passione per la scrittura.  Mi piace scrivere soprattutto di elettrodomestici, tecnologia e prodotti d’avanguardia.

Back to top
Impastatrice Migliore